Feed RSS

Cambia idea, batte le palpebre e si salva: il testamento biologico è pericoloso.

Inserito il

Il testamento biologico è una stupidata (altro che pro-choice). Ecco un esempio, riportato oggi sul Corriere della Sera, che dimostra il perché: Richard Rudd, coinvolto il 23 ottobre 2009 in un grave incidente motociclistico, era da allora paralizzato a letto senza alcuna reazione alle cure e alla stimolazioni, privato di attività cerebrale. Insomma, clinicamente morto. Il papà e i familiari hanno allora chiesto ai sanitari di staccare la spina, come la legge britannica sull’eutanasia prevede. Lo stesso Richard, quando ancora conduceva una vita normale, forte e sano, aveva detto più volte che se mai si fosse ritrovato in una situazione di incoscienza totale, di infermità grave, avrebbe voluto farla finita, senza diventare prigioniero delle tecnologie e delle macchine. In tanti gli avevano sentito ripetere il suo «testamento». I medici, con i famigliari, erano quindi già attorno al letto pronti ad obbedire al suo testamento. E, invece, è accaduto che in un attimo di lucidità le palpebre e gli occhi di Richard Rudd si siano mossi, per la prima volta. I responsabili del Neuro Critical Care Unit di Cambridge, per tre volte, con le macchine attorno che ancora riferivano di una condizione ormai perduta, gli hanno domandato, come han sempre fatto: vuoi continuare a vivere? Richard ha risposto attraverso il movimento delle pupille. Nell’unico modo possibile -imprevisto e improvviso-, ha chiesto di non morire. Ha cambiato idea: ora desiderava vivere. A distanza di mesi, ha compiuto importanti progressi: muove la testa, percepisce le situazioni attorno e sorride agli scherzi, anche se rimarrà paralizzato e attaccato alle macchine. Un documento straordinario, uno fra i tanti, sulla difficile esplorazione di quel confine estremo fra vita e morte. Qualcuno dice che la dignità della vita sta nella salute. Ma chi l’ha detto? Quanti hanno chiesto l’eutanasia con il testamento biologico, mentre erano sani e forti, e poi hanno cambiato idea senza aver avuto la possibilità di comunicarlo? Un Beppino Englaro qualsiasi e le macchine ospedaliere dicono che una persona è morta e questa invece sbatte le palpebre per dire che è viva…ma chi dimostra che anche Eluana, come Richard, non avesse cambiato idea senza aver avuto modo di comunicarlo? Nessuno. L’unica soluzione veramente rispettosa per l’uomo è accompagnare alla morte naturale, evitando qualsiasi accanimento terapeutico ma potenziando le già efficenti cure palliative. Come, d’altra parte, sempre è stato fatto da quando i cristiani hanno inventato gli ospedali. La Bbc ha registrato tutto poiché stava seguendo la storia e i filmati hanno sconvolto l’Inghilerra in questi giorni. Parte del video si trova su Youtube. Altri approfondimenti della notizia su Avvenire1 e Avvenire2, Bbc1, Bbc2.

Diffondi l’articolo: basta un click su OK (in alto a sx) a questo link.



Notizie correlate
Legalizzazione eutanasia: 66 i morti in Belgio che non l’avevano richiesta (15/6/10)
Testamento biologico: nuova sconfitta dell’UAAR (22/4/10)

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: