Feed RSS

Fausto Bertinotti riceve premio intitolato a Giovanni Paolo II.

Inserito il

L’ex leader di Rifondazione Comunista, Fausto Bertinotti, ha ricevuto in questi giorni il premio intitolato a Giovanni Paolo II. Repubblica informa che il laico Bertinotti ha ricordato la sua figura storica, il suo ruolo di evangelizzazione e il contributo che diede al superamento del comunismo. Un premio giunto alla VI edizione e organizzato dall’ associazione “Aglaia”. Tra i premiati anche il ministro per l’ Attuazione del Programma di Governo, Gianfranco Rotondi. Bertinotti, alla morte del grande papa, ebbe modo di essere intervistato sempre da Repubblica, confessando “una commozione enorme”. Disse: «E’ morto un grande Pontefice che ha segnato con la sua presenza la fine del secolo scorso e l’inizio di un’altra storia.  Anche per chi vive una diversa idea degli uomini e del mondo, e che non ha condiviso lati importanti del pontificato di Wojtyla, resterà il valore universale della sua forte denuncia dei mali di questa modernizzazione capitalistica, il suo messaggio di pace, il suo lascito fondamentale che è il rifiuto della guerra, il bisogno di umanità e fratellanza». Dichiarò di provare «dolore di un non credente critico che non si è mai negato la ricerca. Ho osservato da lontano Giovanni Paolo II, cercando di interloquire con le sue ragioni di fondo, ho accettato la sfida delle sue idee. Non mi sono mai voluto privare della conoscenza della sua verità. E’ stato un formidabile anticorpo contro il rischio concreto, possibile, dell’apertura di un conflitto di civiltà. Ha dato un’idea integrale dell’uomo. Un’idea non banale, non legata al mito pubblicitario del benessere, della forza, della bellezza». Sempre nel 2005 Bertinotti confessò in un’intervista che più va avanti con gli anni, più si interroga sui grandi temi della religione, della fede. «Credo che abbia avuto un ruolo importante nelle mie riflessioni, sia quando si è mosso sul terreno della critica alla modernità, sia quando ha detto cose che segnavano una distanza grande, dolorosa, con la nostra visione». Un’altra intervista su papa Wojtyla l’ha rilasciata su 30giorni.

  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace


  • Notizie correlate
    Un’associazione di atei decide di finanziare le missioni cristiane (30/8/10)
    Un ateo americano ha donato 5,6 milioni di dollari alla Chiesa Cattolica (24/8/10)
    Toscana: cittadino ateo chiede la riapertura di una chiesa (21/8/10)
    Attivista ateo per i diritti umani: «il crocifisso deve restare» (30/6/10)

    I commenti sono chiusi.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: