Feed RSS

Il presidente peruviano proclama il “Cristo nero” patrono della nazione.

Inserito il

Il presidente peruviano, Alan Garcia, ha firmato una legge che dichiara l’immagine del “Cristo nero” come «un simbolo di religiosità e di sentimento popolare». Il tutto si è svolto in una cerimonia con migliaia di persone assiepate nella Plaza Mayor di Lima. L’immagine del “Signore dei Miracoli” (o “Cristo nero”) risale al 1661, quando uno schiavo di origine africana dipinse l’immagine di un Cristo di colore sulle pareti di un’umile casa del quartiere di Pachacamilla (allora periferia di Lima). L’immagine, rimasta intatta dopo il terribile terremoto del 20 ottobre 1687 che sbriciolò la capitale peruviana, è stata sempre oggetto di molta devozione e attraversa tradizionalmente nel mese di ottobre le strade della capitale, seguita da una affollatissima processione cattolica (in Perù il 90% della popolazione si dichiara “cattolica”). La notizia è apparsa su YahooNoticias.

 

  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace


  • Notizie correlate
    Nuovo sondaggio: l’80% degli americani vuole la religione nello spazio pubblico (28/9/10)
    Cina: l’ateismo ha fallito. Il Partito comunista promuove il cristianesimo (13/9/10)
    Sentenza Corte Europea: altri dieci Stati ufficialmente a favore del crocifisso (27/7/10)
    Australia: il premier ateo gioisce per la prima Santa della nazione (21/8/10)
    Obama e il governo americano scendono in campo a difesa della Santa Sede (27/5/10)
    In ricordo di Schuman, devoto cattolico fondatore dell’Unione Europea (8/5/10)

    Pubblicità

    I commenti sono chiusi.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: