Feed RSS

Sapere che non bastiamo a noi stessi: ecco cosa ci insegnano i bambini | UCCR

Inserito il

bambino mammaCi è piaciuto molto un recente scritto di Massimo Recalcati, psicoanalista ed editorialista diRepubblica. Condividiamo la sua descrizione dei bambini come esseri di domanda, bisognosi di dipendenza, perché «sanno di essere figli, cioè di non poter bastare a se stessi».

Ecco, questa è la posizione ideale del cristiano e ci aiuta a capire l’invito di Gesù a “tornare come bambini” per entrare nel Regno dei Cieli. Quello evangelico non è un richiamo alla ingenua infantilità, ma al vivere con lo stupore negli occhi -lo stesso dei bambini-, e come loro sentirsi costantementebisognosi dell’abbraccio del Padre. Condividiamo qui sotto la (laica) riflessione di Recalcati.
di Massimo Recalcati*
*dalla prefazione di “Maestra, ma che ne sarà di me?” (Grantorino 2015)

 

I bambini non sono minorati che necessitano di un padrone che li guidi, ma soggetti di parola, inventori di teorie, sognatori, incarnazioni viventi della speranza. È questo il ritratto che di loro ci offre il bel libro di Angela Maria Borello, direttrice didattica di una Scuola d’infanzia di Torino. Il lettore che lo incontrerà farà una esperienza nuova. […] La parola dei bambini trova la sua matrice prima nel grido. Lo sappiamo: la vita viene alla vita attraverso il grido. Il piccolo dell’uomo è sempre, all’inizio della vita, un grido, solo un grido….

http://www.uccronline.it/2015/12/06/sapere-che-non-bastiamo-a-noi-stessi-ecco-cosa-ci-insegnano-i-bambini/

Advertisements

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: