Feed RSS

Una fondatrice delle Femen si converte e chiede scusa ai cristiani | UCCR

Inserito il

FemenTutti conoscono le Femen, il commando di femministe protagonista di attacchi e spettacoli volgari, il cui unico risultato finora è stato di confermare, purtroppo, il pregiudizio di chi sostiene che le donne, per avere attenzione, possono soltanto spogliarsi. Per questo sono osteggiate da altrettante donne, che si vergognano di loro e rifiutano di riconoscerle come portavoce.

Si è scoperto inoltre che femministe radicali sono comandate da un uomo, Viktor Svyatskiy, una sorta di padre-padrone di cui sono schiave, e le loro azioni sono studiate e ben finanziate, non certo mosse da grandi ideali.

L’odio delle Femen è particolarmente rivolto ai cristiani, proprio per questo colpisce ancora di più che la fondatrice delle Femen brasiliane, Sara Fernanda Giromini -conosciuta con lo pseudonimo di Sara Winter (nella foto sopra)-, oggi si sia convertita. Non tanto dal punto di vista religioso…

http://www.uccronline.it/2016/01/26/una-fondatrice-delle-femen-si-converte-e-chiede-scusa-ai-cristiani/

Annunci

Senza oneri per lo Stato? La Costituzione e il finanziamento alle scuole paritarie | UCCR

Inserito il

Scuola

di Daniele Trabucco*
*dottore di Ricerca in Istituzioni di Diritto Pubblico presso l’Università degli Studi di Padova

da LeggiOggi.it, 18/12/15
Dopo mezzo secolo d’attesa il comma 4 dell’art. 33 della Costituzione per il quale “La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà ed ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali” ha trovato attuazione, com’è noto, con la legge ordinaria dello Stato n. 62/2000 recante norme per la parità scolastica.

Il legislatore del 2000, quindi, ha inserito le scuole paritarie a pieno titolo nel sistema nazionale di istruzione secondo un modello pluralistico integrato. Esse erogano, infatti, un servizio pubblico e sono sottoposte alla valutazione dei processi e degli esiti da parte del sistema nazionalesecondo gli standard stabiliti dalla legge. I tentativi di boicottare la legge n. 62 sono rimasti senza esito avendo la Corte costituzionale, con sentenza n. 42/2003, già dichiarato inammissibile un referendum abrogativo su parte di essa. La crisi economica,…

http://www.uccronline.it/2016/01/25/senza-oneri-per-lo-stato-la-costituzione-e-il-finanziamento-alle-scuole-paritarie/

Dopo il flop di #SvegliatiItalia, ecco come i media proveranno a sabotare il Family Day | UCCR

Inserito il

ilgiornaleA maggior ragione dopo le parole chiarissime di Papa Francesco – «Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione» – e dopo il continuo, per non dire vertiginoso, numero di adesioni al Family Day, un fatto appare chiaro: sabato prossimo, al Circo Massimo, vi sarà un’autentica marea umana; il fatto stesso che stiano crescendo le dichiarazioni di appoggio e vicinanza alla manifestazione da parte di politici sia nazionali sia regionali – politici notoriamente abili, per non dire maestri indiscussi, nel fiutare che aria tira – lo conferma al di sopra di ogni dubbio. Per prudenza eviterei pronostici sulle stime di partecipazione, tuttavia l’invasione di Roma di giovani e famiglie, credenti e non credenti, fra una settimana, mi pare certa.

Ebbene, come sociologo osservo il funzionamento dei mass media – e soprattutto l’orizzonte culturale che li ispira – con sufficiente attenzione per supporre che, parallelamente a questa oceanica manifestazione prenderà subito avvio un’autentica campagna denigratoria della stessa, più o meno evidente e dichiarata. Conduttori televisivi e politici, giornalisti e intellettuali faranno difatti a gara per ripetere…

http://www.uccronline.it/2016/01/25/dopo-il-flop-di-svegliatiitalia-ecco-come-i-media-proveranno-a-sabotare-il-family-day/

Gesù ci ha salvato: ma cosa vuol dire? Non bastava la Bibbia? | UCCR

Inserito il

gesu con apostoliPerché Dio ha dovuto farsi uomo? Non bastavano la Bibbia e i dieci comandamenti? Si dice sempre che “Gesù ci ha salvato”: da che cosa? E cosa vuol dire?

Ecco, questo è un punto centrale. Anzitutto, ha fatto la cosa più imprevista che potessimo immaginare: è diventato uomo, uno di noi. Non per modo di dire: era uno che passava per strada a Gerusalemme, che potevi incontrare sotto il portico del Tempio, o vedere mentre stava con gli amici. Uno che mangiava, beveva, prendeva in braccio i bambini che gli avvicinavano. Un uomo. Che condivide tutto della nostra vita umana. Tutto: persino la sofferenza e la morte.

Ma non bastava la Bibbia e i Comandamenti? No, la legge morale -cioè il contenuto dei Comandamenti-, non bastava. Anche se, dice la Bibbia, è stato Dio in persona a darla all’uomo, il punto è che non riusciamo a seguirla fino in fondo. Molto spesso, che ci piaccia o no, sbagliamo. Ma anche se ci riuscissimo, se fossimo capaci di seguire tutti i Comandamenti sempre, senza sgarrare, alla nostra…

http://www.uccronline.it/2016/01/24/gesu-ci-ha-salvato-ma-cosa-vuol-dire-non-bastava-la-bibbia/

Unioni civili, l’intervento di Papa Francesco: «non confonderle con la famiglia» | UCCR

Inserito il

Francesco famigliaIl recente Sinodo sulla Famiglia ha «indicato al mondo che non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione»Papa Francesco è intervenuto con queste parole, questa mattina e a suo modo, nel grande dibattito sulle unioni civili in corso in Italia, incontrando i giudici del Tribunale della Rota Romana.

Proprio due giorni fa il vaticanista disinformatore Carlo Tecce, del “Fatto Quotidiano”aveva sostenuto che Francesco non avrebbe gradito l’uscita del card. Angelo Bagnasco contro le unioni civili e a sostegno del Family Day, tanto da non averlo voluto incontrare. Andrea Tornielli ha precisato che la motivazione del mancato appuntamento è dovuta al dover dare precedenza…

http://www.uccronline.it/2016/01/22/unioni-civili-lintervento-di-papa-francesco-non-confonderle-

con-la-famiglia/

La peste nera e gli ebrei: a proteggerli ci provò l’Inquisizione | UCCR

Inserito il

peste nera

di Francesco Agnoli*
*scrittore e saggista
da Libertà e Persona, 17/01/16
Nel 1347-1350, come è noto, l’Europa fu devastata dalla peste nera. Si trattò di una ecatombe senza precedenti, tanto che alcuni storici sostengono che quella epidemia pose fine ad un’epoca, per aprirne una nuova. La mortalità oscillava tra i 40 e il 70% a seconda della forza degli individui colpiti e delle loro condizioni. Fu effettivamente una iraddiddio travolgente, che portò da una parte a grandi interrogativi sull’uomo e su Dio, dall’altra a splendide opere di carità e di dedizione ai fratelli, e, infine, a paure inenarrabili, a fobie ed incubi ben comprensibili.

Circa un terzo degli abitanti dell’Europa morì. Ebbene, fu in questa occasione che le comunità ebraiche conobbero una aggressione senza precedenti: molti ebrei furono accusati di avvelenare i pozzi, di essere in qualche mo…

http://www.uccronline.it/2016/01/22/la-peste-nera-e-gli-ebrei-a-proteggerli-ci-provo-linquisizione/

Ipocrisia LGBT: gli italiani a favore del ddl Cirinnà? Ma non erano omofobi? | UCCR

Inserito il

ipocrisiaQuando la comunità Lgbt voleva a tutti i costi far approvare la legge contro l’omofobia, gli italiani venivano descritti come un popolo di navigatori, poeti e criminali omofobi. Messo da parte il ddl Scalfarotto, l’obiettivo sono diventate le unioni civili ed improvvisamente anche gli italiani sono diventati un popolo gayfriendly, pronto e desideroso di approvare non soltanto le unioni civili, ma anche tutto il corollario di istanze Lgbt (invece le statistiche dicono il contrario).

L’Espresso nel luglio 2014 pubblicava fantomatiche classifiche dove l’Italia, che non vuole il ddl Scalfarotto, appariva il Paese nemico delle persone omosessuali: «Discriminazione, paura e aggressioni» era il clima che si respirava nel Belpaese. Oggi, sempre sul Gruppo l’Espresso, una coppia omosessuale descriveminuziosamente quanto invece l’Italia sia gayfriendly, mai nessuna discriminazione subita perché…

http://www.uccronline.it/2016/01/21/ipocrisia-lgbt-gli-italiani-a-favore-del-ddl-cirinna-ma-non-erano-omofobi/