Feed RSS

Archivi tag: pedofilia chiesa

Leader dello Snap ammette: «contro la Chiesa abbiamo pubblicato notizie false»

Inserito il

Mentre il direttore generale della BBCMark Thompson,ammette tranquillamente che nelle sue reti televisive nel Regno Unito il cristianesimo viene trattato meno sensibilmente di tutte le altre religioni, David Clohessy, leader della SNAP“Survivors Network of those Abused by Priests”, associazione anticattolica, fondata daBarbara Blaine, che si autodefinisce come il più grande gruppo di sostegno alle vittime di abusi da parte di religiosi….

…..CONTINUA A LEGGERE….

Una lettura realista dei dati sulla pedofilia in America e Irlanda.

Inserito il

Sul magazine inglese Spinked, il non credente Brendan O’Neill fa il punto della situazione sulla questione pedofilia in America e Irlanda in ambito della Chiesa cattolica. Secondo il giornalista, «quello che è successo è che le sezioni della lobby dei New Atheist, hanno promosso sempre più calunnie anticattoliche, con una mentalità inquisitoriale verso la Chiesa cattolica. Così ogni accusa di abuso che emergeva…(continua a leggere)

Regno Unito: inedita e lunghissima diretta dei media su Benedetto XVI.

Inserito il

Continua ad arricchirsi di video il nostro dossier sul viaggio storico di Benedetto XVI nel Regno Unito. Lo potete trovare qui.

Dopo aver dato ampio spazio alle critiche nei giorni scorsi, i media britannici, dal momento in cui il Pontefice ha sceso la scaletta del volo Alitalia per essere accolto dal principe Consorte, l’89enne Filippo, Duca d’Edimburgo, hanno dato avvio a lunghissime dirette (cosa totalmente inedita per la TV inglese). La continua ed eccellente diretta della Bbc ad esempio ha fatto capire che la visita avrà un esito totalmente diverso da quello previsto dalle sette ateo-fanatiche razionalistiche.

Il corrispondente inglese de Il Foglio, William Ward, parla di «morbidi e rispettosi toni del gallese Huw Edwards, il principale anchorman di Bbc1 News, ha commentato l’evento, con la tipica puntualità riservata per i grandi servizi in esterno del broadcaster di stato. Un segnale che la permanenza del Pontefice sul suolo britannico è destinata a risolversi in un successo. Fra la lunghissima telecronaca della mattina, seguendo i passi del Papa dal momento dell’atterraggio all’incontro assai affabile con la regina Elisabetta, alla passeggiata tradizionale lungo il bellissimo Royal Mile, la via princiaple del centro storico di Edimburgo, e filo alla messa nel parco di Bellahouston a Glasgow ieri sera, si è trattato della copertura televisiva più lunga e più intensa dai tempi dei funerali della principessa Diana nel settembre del 1997».
I media britannici hanno anche ineditamente dato totalmente spazio alle voci della regina e del suo ospite, rovesciando il protocollo tipico che prevede la cronaca del giornalista. Ward commenta: «Quasi un miracolo insomma, come la consueta spocchia della Bbc si sia sciolta davanti alla naturalezza e gentilezza dell’illustre ospite, alla sua disarmante umiltà davanti a un paese forse preventivamente ostile». Rispetto alle polemiche invece, «ieri sono state pochissime. Mentre la messa serale all’aria aperta al Bellahouston Park a Glasgow ha avuto una partecipazione trionfale. Il leone liberal della Bbc si è disteso accanto all’agnello».


Diamo un’occhiata a cosa dicono i quotidiani inglesi e scozzesi (da Asca.it)
Times: “Il Papa abbraccia Londra”. Cosi’ titola il Times questa stamattina.

Daily Mirror: il quotidiano di sinistra mette l’accento sull’accoglienza riservata al Papa dai fedeli: «Lo accolgono in più di 200 mila a Glasgow e Edimburgo mentre il papa accusa gli atei di estremismo».

Indipendent: entusiasta per l’arrivo di Benedetto XVI, parla di visita come «occasione storica», e l’incontro con l’arcivescovo di Canterbury è «una dimostrazione di unita’ delle due chiese».

The Guardian, più scettico, si concentra sul discorso «più apertamente politico» che il Papa terà oggi, «mentre continuano le proteste».

Daily record, il giornale scozzese ammette che Benedetto XVI, «dopo sole 10 ore, ha già toccato il cuore della nazione».

The Scotsman, mette in risalto la «feroce critica del Papa al mondo laico», che ha attaccato «l’ateismo aggressivo, invitando i Cattolici ‘a respingere una vita brillante ma superficiale offerta dalla società moderna».

Express, sottolinea l’elogio del papa «alla tolleranza della Gran Bretagna» e alla sua ferma presa di posizione contro il nazismo.

Glaswegion, ha intervistato molti cattolici accorsi, rilevando che «alcuni hanno attraversato l’intera Scozia per poter essere presenti».

  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace


  • Notizie correlate
    Regno Unito: ecco il primo ateo convertito grazie alla visita di Benedetto XVI (16/9/10)
    I secolaristi inglesi si dissociano dalle proteste contro la visita del Papa (16/9/10)
    Gli inglesi non scommettono sull’accoglienza al Papa perché: «sarà di certo una folla enorme» (16/9/10)
    Il capo della polizia inglese: «ci pensiamo noi agli squilibrati atei, gay e antipapisti» (14/9/10)
    Susan Boyle: la celebrità del momento canterà per Bendetto XVI (14/9/10)
    Regno Unito: la vistita del Papa scatena attese da popstar (13/9/10)
    Si prevede un successo per la visita di Benedetto XVI in Inghilterra (10/9/10)

    Due vittime di abusi ritrovano la fede dopo l’incontro con Benedetto XVI.

    Inserito il

    «Quando ho visto il Papa piangere davanti a me, mi sono chiesto: ma perché soffre così per una cosa di cui non ha nessuna colpa? Allora ho iniziato a sentire pace dentro di me. Per la prima volta ho pensato che avrei potuto perdonare chi mi ha fatto tanto male»(continua a leggere)

    La pedofilia è una scusa, l’obiettivo è colpire la Chiesa.

    Inserito il

    Nuova condanna per il Santo Padre. Una lettera proverebbe la resistenza da parte di Ratzinger allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, alla riduzione allo stato laicale di Stephen Kiesle, sacerdote statunitense accusato di pedofilia. Il Vaticano risponde puntualmente, stigmatizzando i continui…(continua a leggere)