Feed RSS

Il laico Piero Ostellino: «oggi la Chiesa è tra gli unici punti di riferimento stabili».

Inserito il

Uno degli editorialisti ed ex editori del “Corriere della Sera” è Piero Ostellino. Nei giorni scorsi ha denunciato il «desolante spettacolo» fornito dall’attuale momento politico e sociale del Paese. Ma si è dimostrato entusiasta per la posizione della Chiesa: «Nel mio animo di laico sono anch’io molto angustiato. Nel leggere la prolusione del cardinale Bagnasco, del resto, ho trovato una visione dell’Italia e dei suoi problemi molto vicina alla mia cultura liberale e non posso che trovarmi d’accordo. È un testo che costituisce un forte riferimento culturale. Racchiude tutto quello di cui oggi l’Italia ha realmente bisogno». Nella visione della Chiesa -continua l’intellettuale- «si comprende come la tradizione liberale autentica sia debitrice al messaggio cristiano. Ecco, e lo dico non da uomo di fede ma da aspirante credente, dalla prolusione emerge evidente che il messaggio di Cristo è un valore universale. Anche se su alcuni dettagli del testo si può non essere d’accordo». Intervistato da Avvenire, ha poi continuato: «La regressione culturale del Paese, così come quella politica, è spaventosa. Fortunatamente ci restano due punti di riferimento stabili: da un lato il presidente della Repubblica che tiene ferma la barra della responsabilità nell’azione politica, dall’altra la Chiesa».

  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace


  • Notizie correlate
    Il non credente Piero Ostellino: siamo tutti debitori del cristianesimo (19/5/10)
    Michael Ruse: il darwinista che crea lo scisma tra gli atei (9/9/10)
    Michele Serra: l’ateo devoto di Repubblica (23/8/10)
    Gian Enrico Rusconi, ecco uno dei nuovi amici atei di Benedetto XVI (24/6/10)

    I commenti sono chiusi.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: