Feed RSS

Il vice premier ateo, Nick Clegg, manda i figli in una scuola cattolica.

Inserito il

Gli atei inglesi sono su tutte le furie perché Nick Clegg, leader del partito Liberal Democratico e vice premier, ha deciso di inviare i suoi figli in una scuola cattolica. Nella cultura laicista inglese è di gran moda proclamarsi atei, poi però, quando tocca prendere decisioni private e personali, si è un pò meno “politically correct”… Nel 2007, ricorda il Daily Mail, il vice premier ha dichiarato ad un’intervista radiofonica di essere ateo. Ha poi aggiunto di avere: «enorme rispetto per le persone religiose. Sono sposato con una cattolica e sono impegnato a crescere i miei figli come cattolici. Tuttavia, io stesso non sono un credente attivo, ma l’ultima cosa che faccio quando si parla o si pensa alla religione è avere un approccio con un cuore chiuso o una mente chiusa». La scuola che Clegg ha scelto è una delle principali scuole cattoliche della Gran Bretagna, la stessa in cui l’ex premier labourista Tony Blair, convertitosi recentemente al cattolicesimo, ha mandato i suoi figli. La scuola, la London Oratory School, ha un livello molto alto di istruzione, detiene anche un record nel campo delle scienze, con l’86% degli alunni che ottengono due GCSE (General Certificate of Secondary Education), di grado C o superiore, in materie scientifiche. Uscire con un diploma da qui significa trovare spalancate le porte di Oxford e Cambridge. In un altro articolo del Daily Mail, si ricorda che già ampi scandali tra il laicisti erano emersi quando Clegg venne fotografato nella chiesa cattolica vicino a casa per la prima comunione del suo figlio maggiore.

  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace


  • Notizie correlate
    Australia: il premier ateo gioisce per la prima Santa della nazione (18/10/10)
    Il laico Piero Ostellino: «oggi la Chiesa è tra gli unici punti di riferimento stabili» (4/10/10)
    I sindaci più amati dagli italiani sono tutti per il crocifisso nelle aule scolastiche (24/9/10)
    Sentenza Corte Europea: altri dieci Stati ufficialmente a favore del crocifisso (27/7/10)
    Fidel Castro: dall’ateismo militante all’inaspettata apertura alla Chiesa (22/7/10)

    I commenti sono chiusi.